P.D.G. Francesco Socievole

Francesco Socievole nasce a S. Pietro in Amantea (CS) il 13/03/1948. Vedovo di Franca dal 2004 è papà di Francescodomenico e di Gilda, entrambi soci del Rotaract di Amantea. Laureato in Ingegneria Civile Edile presso il Politecnico di Torino, è specializzato in Ingegneria Sismica. Iscritto all’Albo degli Ingegneri della Provincia di Cosenza, dirige lo Studio di “Ingegneria e Architettura”, con sede in Amantea ove risiede.

Pur essendo vincitore di concorso a Cattedra abilitante all’insegnamento di Costruzione e Tecnologie delle Costruzioni negli istituti superiori ha deciso di dedicarsi esclusivamente alla professione d’Ingegnere. E’ incluso negli Albi professionali degli Ingegneri Capo e dei Collaudatori Statici, nell’Albo Regionale dei Collaudatori Tecnici-Amministrativi della Regione Calabria e i quello dei C.T.U. (Consulente Tecnico d’Ufficio) del Tribunale di Paola.

E’ stato Responsabile Provinciale dell’Associazione Analisti Ambientali (95-98). E’ stato componente della Commissione Mista CNR- G.N.D.T. (Gruppo Nazionale Difesa Terremoti)/Regione Calabria per la realizzazione di programmi di ricerca finalizzati alla riduzione del rischio sismico (1995-2003). Ha ricoperto l’incarico di Ingegnere Capo dell’Azienda Sanitaria n° 1 di Paola (Calabria) dal 1995 al 2000. Ha svolto Consulenza Tecnica alla RDB per conto della quale ha tenuto un ciclo di Conferenze presso gli Istituti Superiori per Geometri sulla “corretta realizzazione e posa in opera dei solai prefabbricati in zona sismica”. E’ stato Componente del Comitato Tecnico di Valutazione per le misure 2.1 – Incentivi all’Industria del POP 1994- 1999 Regione Calabria.

Ha svolto numerose Progettazioni e Direzione Lavori per molti Enti Pubblici della Calabria, fra le quali si citano:

• Il Recupero del Centro Storico di Aiello Calabro;

• Il Consolidamento del Centro Abitato di Amantea;

• Il Progetto per il Recupero del Castello e delle Architetture Cybo-Malaspina ad Aiello Calabro.

• Il progetto della Sede Legale dell’Azienda Sanitaria n° 1.

Nel periodo 05/01/1996 – 25/08/1997 è stato Assessore del Comune di Amantea, con delega alla Pianificazione Territoriale, Urbanistica, Edilizia Pubblica e Privata, Traffico e Viabilità, Porto Turistico. In tale periodo il Comune di Amantea ha adottato il Piano Regolatore Generale Comunale e sono stati redatti i seguenti Piani di Settore di grande valenza sociale:

• Piano Comunale di Protezione Civile (Il primo redatto in Calabria);

• Piano del Colore con annesso manuale di recupero e regolamento edilizio della qualità;

• Piano Urbano del Traffico;

Parla e scrive correttamente la lingua francese, conoscenza tecnica della lingua inglese.

SERVIZIO ROTARIANO

Socio Fondatore del Rotary Club Amantea, affiliato al Rotary International in data 24/01/1989 è stato Segretario del Club negli anni 1990/91, 1991/92 e successivamente negli anni 2000/2001 – 2001/2002 e 2003/2004 e Presidente dello stesso Club nel biennio 1992/93 e 1993/94 e nell’a.r. 2006-07. Ha fatto parte del Consiglio Direttivo del Club dal 1990 al 1998 e dal 2000 al 2007 ricoprendo, di volta in volta, la carica di Presidente di diverse Commissioni del Club. Nell’ anno di Presidenza del Club di Amantea (1992-94) ha istituito il “Premio Professionalità”, la “Pasqua Rotariana”e la “Giornata di Studi Storici”, ricevendo per quest’ultima manifestazione il plauso del Prof. Pasquale Villani e del compianto Prof. Augusto Placanica. Nel corso della seconda Presidenza (2006-07) ha istituito la “Borsa di Studio R.C. Amantea” destinata agli studenti dell’ultimo anno degli Istituti Secondari e finalizzata a favorire il proseguimento degli studi universitari. Ha, inoltre, costituito l’Interact Club Amantea. Dall’a.r. 1995-96 in poi è stato Componente di diverse Commissioni Distrettuali (Commissione Espansione; Commissione Assiduità e Affiatamento; Commissione Rapporti con l’Istituzione; Commissione Informazione Rotariana ; Commissione Sovvenzioni Rotary Foundation; Commissione A.E.R.A) Nell’anno 2006/2007 è stato nominato Presidente della Sottocommissione Sovvenzioni Rotary Foundation. Nel 1995 ha collaborato alla costituzione del Club del Reventino. Nell’anno 2003 ha collaborato, in rappresentanza del Club di Amantea, alla costituzione del Club di Paola, cosponsorizzato dai Club di Amantea e Cosenza Nord. Nell’anno del Governatorato di Natale Naso ha coordinato il Forum Distrettuale “Tutela delle fasce deboli” e il progetto a favore dell’Istituto San Luigi Gonzaga di Carolei (Casa famiglia per orfani), nell’ambito dell’Azione verso le fasce deboli. Nell’anno del Centenario è stato Assistente del Governatore Alessandro Marotta per i Club Amantea, Lamezia Terme, Paola M.T.C., Pollino-Castrovillari e Reventino, prospettando al Governatore la possibilità di aprire un nuovo Club nell’Alto Jonio Cosentino. In tale anno ha, inoltre, organizzato il “Progetto India”, 1° Progetto Umanitario realizzato dal Distretto 2100 con i contributi della Rotary Foundation. Nell’a.r. 2006-07 ha coordinato, insieme a R. Inderst, il Forum. “Mediterraneo una risorsa da tutelare”. Nello stesso anno, quale Presidente della Sottocommissione Sovvenzioni della Rotary Foundation del D 2100, ha coordinato il progetto interdistrettuale (D 2090 e D 2100) “Acqua per l’Albania”, premiato al Convegno Internazionale “Acqua e Pace” (Assisi 15 - 17 aprile 2011). Ha preso parte a numerosi Convegni e attività Distrettuali. Nell’anno del Centenario ha partecipato al Congresso

Internazionale di Chicago. Il 12 giugno 2007 è stato designato a Governatore del R.I.- Distretto 2100 per l’anno 2009-10.
Nel 2007 – 2008 – 2009 e 2011 ha partecipato agli INSTITUTE di Sorrento, Bruxelles, Parigi e Milano.

Nel 2009 e 2010 ha partecipato alle Convention di Birmingham e di Montreal.

Governatore del Distretto 2100 del Rotary International nell’anno 2009-2010.

Nel mese di aprile 2010 ha fondato e presiede il Centro Studi Etici “Federico Weber”.

Nel 2011, nell’ambito dei CIP, è stato nominato Advisor per le “Iniziative per il Mediterraneo”, incarico che

mantiene anche nell’anno 2012-13 .

Nel 2012 è stato nominato Presidente della Commissione Distrettuale Rotary Foundation per il quadriennio 2012-16.

Ha svolto presso vari Club del Distretto 2100 numerose conversazioni su tematiche rotariane.

Ha relazionato in numerosi Convegni rotariani organizzati dai Club del Distretto fra cui si citano:

• “Per una storia sismica della Calabria”, presieduto dal PdG Mario Mello – Amantea 8 giugno 2002;

• “Gestione e regolazione del territorio in Calabria dopo la legge regionale urbanistica”- Amantea 11 aprile

2003.

• “Situazione ambientale del Basso-Medio-Alto Tirreno Cosentino” – Paola 24 febbraio 2007.

Nel mese di settembre 2011 ha partecipato, quale relatore, al Forum del Distretto 2120 : “Il dialogo per un

Mediterraneo mare di pace”

RICONOSCIMENTI ROTARIANI

Nel 1994 ha ricevuto il Certificato di merito dal Governatore Felice Badolati. E’ stato insignito di nove onorificenze PHF: 1994 - 2003 - 2004(Governatore Natale Naso) - 2005 - (Governatore Alessandro Marotta) e 2006- 2007- 2009 (Gov. Guido Parlato) – 2009 (R.C. Lauria); Nel 2007 ha ricevuto dal Governatore Vito Mancusi una targa in argento quale Attestato di merito per l’apporto profuso nel servizio rotariano; Nel 2007 e nel 2008 ha ottenuto il Premio Distrettuale per i servizi svolti in favore della R.F.; Da Governatore del Distretto ha incrementato l’effettivo distrettuale di 197 soci, ha costituito 6 nuovi Rotary Club, 2 Rotaract Club di cui uno su base universitaria e, nella più antica e prestigiosa scuola militare, ha costituito l’Interact “Nunziatella” .

Il 23 giugno 2010, alla Convention Internazionale di Montreal è stato premiato dal Presidente del Rotary International John Kenny, ricevendo, il Riconoscimento per l'Effettivo con la seguente motivazione: "per essere uno dei dieci migliori Distretti Rotary di tutto il mondo per crescita netta ed attività dell'effettivo" Nel mese di giugno 2011 è diventato “Benefattore della Rotary Foundation”

E’ socio onorario dei Rotaract Club Amantea, Pompei Oplonti e Reggio Calabria Sud, dell’Interact Club Amantea e dei seguenti Club Rotary: Benevento; Caserta - Terra di Lavoro; Campagna “Valle del Sele”; Castrovillari- Pollino; Cirò Marina “Terra degli Enotri”, Cosenza “Telesio”; Crotone; Paola Medio Tirreno Cosentino; Pompei Sud; Pozzuoli;  ogliano - Valle del Savuto; Rossano Bisantium; Melito di Porto Salvo; Reggio Cal. Sud “Parallelo 38”; Riviera dei Cedri; Sala Consilina- Vallo di Diano; Salerno; Salerno Est; Santa Severina; Trebisacce Alto Jonio cosentino;

 
 
 

Fin dalla sua giovinezza, Paul Harris è stato un viaggiatore ed ha esplorato nuovi sentieri alla ricerca di nuovi orizzonti. Da ragazzo egli compiva i suoi viaggi fra i campi, le foreste ed i villaggi attorno a Wallingford, nel Vermont, U.S.A. nella deliziosa valle del New England, dove è cresciuto nella casa dei nonni paterni. Quando il ragazzo divenne un uomo, i suoi viaggi lo portarono verso l’Ovest, nello Iowa e nell’Illinois, dove divenne avvocato. Tuttavia, prima di iniziare la propria attività, Paul decise di vivere all’avventura per cinque anni, “vagabondando” per gli Stati Uniti e l’Europa. Ovunque egli andò strinse nuove amicizie. Infine, come narra questa straordinaria autobiografia, la strada di Paul lo portò a Chicago, nell’IIlinois, U.S.A., dove si stabilì ed iniziò a svolgere la propria professione.

Solo tra la folla della grande città, egli tentò di ricreare quello spirito familiare della sua giovinezza e quel senso di comunità che egli aveva scoperto nei suoi viaggi.

 Nel febbraio del 1905, egli s’incontrò con altri tre giovani uomini d’affari ai quali espose il suo “progetto molto semplice di cooperazione reciproca ed amicizia informale… Essi accettarono il mio progetto”.

La lunga strada di Paul aveva portato al Rotary, un viaggio fantastico che era appena all’inizio e che continua ancora oggi.

Unitevi a Paul Harris nel suo cammino verso il Rotary, diventate i suoi compagni di viaggio.

 

Per gentile autorizzazione del Rotary International

 

Il Governatore Francesco Socievole ha voluto chiudere il suo anno rotariano 2009-2010 lasciando traccia delle attività e dei progetti realizzati con un libro messo sotto il segno di un motto ricavato dalla filosofia civile di Federico Weber: “Ovunque c’è un uomo, lì devono esserci per lui libertà, giustizia, solidarietà e fraternità”. Quanti hanno avuto la gioia di leggere, anche soltanto per excerpta, gli scritti di padre Weber o di essere testimoni della sua attività rotariana sanno che quella frase non era soltanto uno slogan, ma un credo e un programma cui ispirare le proprie idee e le proprie azioni.

A quelle stesse idee e a quelle stesse azioni Francesco Socievole ha intonato le linee della sua condotta nell’esercizio dell’alta responsabilità affidatagli da Rotary. Nella XXXII Assemblea, nei Forum distrettuali e interdistrettuali e nel XXXII Congresso sono stati privilegiati i temi relativi alla dignità e alla libertà della persona umana, alla collaborazione fra i popoli attraverso l’integrazione culturale, al Mediterraneo come mare di pace, allo sviluppo sostenibile per il futuro dell’umanità, ai giovani e alla meritocrazia nella società globalizzata. Tutte questioni di rilevantissima importanza per la società e alle quali il Rotary International intende contribuire con risposte credibili e praticabili. Centrale all’interno di questo progetto è certamente il tema della pace. Laddove non c’è pace non c’è neppure vita civile. E tra i pilastri sui quali è possibile costruire la pace vi sono la legalità e l’amicizia, entrambe emblemi della filosofia rotariana, entrambe punti di riferimento privilegiato del pensiero e dell’azione di Pasquale Pastore, altro grande spirito cui Socievole ha ispirato la sua azione rotariana. Senza legalità non c’è etica e non si realizzano democrazia e libertà.

 

Prof. Aniello Montano

 

Questo documento che trae spunto da altre pubblicazioni e da fonti rotariane d’informazione specifica ha lo scopo di raccogliere quelle indicazioni e regole che, se applicate, consentono il regolare ed apprezzato svolgimento di ogni nostra manifestazione, sia istituzionale che pubblica.

Questa raccolta di norme a cui viene dato il nome “Manuale del Prefetto” serve a dare risposta alla domanda che spesso viene posta in sede di programmazione delle manifestazioni: che cosa stabilisce il cerimoniale rotariano?

L’esigenza di avere certezza e conoscenza delle regole del “bon ton” rotariano ha spinto gli organi distrettuali a proporre l’uso del presente cerimoniale rotariano. Anche se la conoscenza delle regole del “bon ton” rotariano dovrebbe essere patrimonio di tutti i soci di Rotary Club, è demandato ai Prefetti dei Club, quali perfetti “maestri di cerimonia” la responsabilità dell’applicazione delle norme che sono alla base del successo di ogni manifestazione.

Galanteria, cortesia e buone maniere non hanno tempo, esse valgono e vengono apprezzate oggi come ieri e contraddistinguono un comportamento signorile.

Francesco Socievole
Governatore 2009-10 - Distretto 2100

 

All’Assemblea Internazionale di San Diego, il Presidente Internazionale John Kenny, ribadendo l’importanza della continuità d’azione delineata dal Piano Strategico del Rotary International, ha detto “ Se vogliamo che il Rotary sia rilevante nel secolo XXI, dobbiamo affrontare questi problemi essenziali: l’acqua, la salute, la fame e l’alfabetizzazione”.

L’ultimo rapporto FAO evidenzia che per la prima volta nella storia oltre un miliardo di persone, un sesto della popolazione del Pianeta, soffre la fame e tra questi 15 milioni vivono in Paesi sviluppati.
Il Direttore Generale dell’Agenzia dell’ONU avverte: “La fame e la povertà pongono seriamente a rischio la sicurezza e la pace mondiale”.

Ecco perché l’acqua è la nostra area più importante. Essa è una risorsa primaria senza la quale non si può vivere e, perciò, un diritto umano di base. Dobbiamo darci da fare per ricreare l’agricoltura nelle zone affamate, senza dimenticare che i progetti per l’acqua devono tener conto anche delproblema dell’igiene. Ogni giorno, infatti, 200 bambini sotto i cinque anni muoiono a causa della diarrea, dei vermi intestinali e della malaria.

Importante è anche l’azione dei Club volta all’Alfabetizzazione: ancora oggi esistono ottocento milioni di persone che non sanno leggere o scrivere e “Un Paese i cui futuri Leader non hanno studiato – ha detto Nelson Mandela – non può avere successo”.

Francesco Socievole

 
 
Rotary
Distretto 2102 - Italia
Responsabile del trattamento
dei dati personali sulla Privacy
Avv. Gianni Policastri
email: privacy@rotary2102.org
Connettiti con noi:
Distretto 2102
Rotary International
Link utili